Progetti di comunità

Progetti in corso

La pandemia ha avuto un forte impatto soprattutto tra i più giovani che, a causa del distanziamento sociale e della mancata possibilità di frequentare spazi di aggregazione, si sono ritrovati ad avere difficoltà a rapportarsi con i genitori, con i coetanei e a frequentare la scuola a distanza. Questo li ha messi in una condizione di forte vulnerabilità e solitudine.

L’effetto negativo della pandemia è stato ancora più importante per i giovani migranti e rifugiati che, oltre a subire le conseguenze dell’isolamento forzato, non dispongono di una rete sociale radicata a livello locale.

Di fronte a questa situazione è fondamentale che gli educatori e chi lavora a stretto contatto con i più giovani, abbia degli strumenti utili per superare la sensazione di solitudine, promuovendo la resilienza e l’anti-fragilità.

Il progetto europeo “Migrart – Community-rehabilitation through interculture, art and antifragility”, co-finanziato dal Programma Erasmus + dell’Unione Europea, coinvolge sei associazioni giovanili in cinque Paesi: Italia, Belgio, Spagna, Portogallo e Turchia. Popoli Insieme è capofila del progetto, mentre le realtà partner sono Domna, Eceepa, Embaixada da Juventud, IAAD e Red Incola.

L’approccio artistico in MigrArt ha lo scopo di avvicinare alla street-art e alla social art partendo del tema “Isolation/Community” e da una riflessione sulla crisi globale generata dal COVID-19 per trasformarla in un’opportunità: ridurre gli effetti dell’incertezza del presente e del futuro. Per questo è fondamentale la partecipazione di giovani italiani e provenienti da paesi terzi: la creazione artistica è uno strumento per prendere la parola e dà l’opportunità a migranti e rifugiati di raccontare come la pandemia ha influenzato le loro vite, lasciando segnali tangibili sul territorio e fruibili online. Il progetto MigrArt offre ai giovani coinvolti momenti di crescita personale e l’opportunità di acquisire nuove competenze artistiche, mentre gli animatori giovanili possono sviluppare competenze interculturali specifiche e apprendere nuovi metodi di creare comunità.
Per il progetto è prevista un’attività creativa al mese in tutti i Paesi partner del progetto, che coinvolga un gruppo interculturale di giovani e che li metta in condizione non solo di trascorrere del tempo insieme, ma di instaurare relazioni e di esprimersi in modo creativo.

Con quali obiettivi?

 
  • Sviluppo di una raccolta di buone pratiche e di un toolkit per animatori giovanili per sperimentare nuovi approcci e costruire comunità inclusive e interculturali
  • Creazione di un booklet sul tema Isolation/Community con le produzioni artistiche realizzate dai giovani coinvolti, collegate tramite QR-code ai video di approfondimento con pensieri e punti di vista, aspettative future e riflessione sul vissuto durante la pandemia. 
  • Produzione di un murales con il coinvolgimento del gruppo di giovani che verrà collegato tramite QR-code ad un cortometraggio ad opera dei gruppi giovani dei cinque Paesi europei coinvolti nel progetto.
 
 Scopri di più sul progetto sul sito dedicato!

Progetti conclusi

Il progetto “Let’s tandem – Volontariato in circolo” propone un’idea di solidarietà ribaltata: 6 tandem (coppie di volontari), composti da un rifugiato e un volontario, verranno ospitati da tre diverse realtà associative padovane: Down Dadi, Alice per i DCA e Associazione Eligere.

Nell’ambito de “La città delle idee” (2020), progetto finanziato dal Comune di Padovachi normalmente beneficia di azioni di volontariato ha la possibilità di diventare volontario a sua volta, mettendosi a disposizione di cause diverse e radicate sul territorio: un’occasione di incontro per sentirsi parte attiva della comunità.  Oltre ad avere l’occasione di trascorrere tempo insieme al di fuori dell’associazione, i volontari hanno potuto conoscere meglio le realtà che li ospitano nella loro attività e che cosa significa fare volontariato. Allo stesso tempo, le associazioni sono state formate ad accogliere volontari con background migratorio.

Prima di prendere parte a questo progetto, i volontari Maria e Mohannad formavano un tandem già da qualche mese: Maria, infatti, insegnante da poco in pensione aveva deciso di impiegare il suo tempo libero supportando Mohannad nell’apprendimento dell’italiano! Il giovane siriano è arrivato in Italia all’inizio del 2020, proprio qualche giorno prima dello scoppio della pandemia e quindi, costretto come tutte e tutti al distanziamento, non ha avuto molte opportunità di uscire e conoscere persone. Dopo tanti mesi di isolamento, questo progetto è stato per lui una bella opportunità da cogliere

“Fare volontariato mi permette di conoscere meglio il Paese in cui sono arrivato e di incontrare persone nuove, ma non è la mia prima volta: in Siria distribuivo cibo e vestiti ai profughi”

La ricchezza di quanto vissuto è evidente a tutte e a tutti: ai ragazzi rifugiati che per la prima volta si cimentano in un’esperienza di questo tipo, ai volontari di Popoli Insieme che si mettono alla prova in altre realtà, ai membri delle associazioni ospitanti che si trovano in una nuova dinamica e infine a chi beneficia delle azioni di solidarietà ribaltata.

Newsletter

Iscriviti per essere aggiornato sui nostri eventi , progetti e iniziative.